Seleziona una pagina

A tutti capita di dimenticare le cose di tanto in tanto. Inoltre invecchiamo, il rendimento della memoria può diventare sempre più difficile.

In alcuni casi, le prestazioni mnemoniche possono subire un calo notevole già dopo i 40-45 anni di età.

La Perdita di Memoria Comincia Presto

Secondo uno studio del 2012 presso l’University College di Londra, il cervello ha un declino naturale della memoria, la capacità di ragionamento e di comprensione che comincia presto nell’età adulta.

Nel corso di un esperimento durato 10 anni – noto come lo studio di Whitehall – i ricercatori hanno dato ai partecipanti dei test per la memoria, un vocabolario e dei contenuti di apprendimento visivo e uditivo.

Lo studio ha riguardato più di 7.000 partecipanti di età compresa tra 45 e 70 anni. Di questi partecipanti, più di 5.000 erano uomini e 2.000 erano donne.

I cali mentali registrati tra le persone tra i 40 e i 50 anni sono stati modesti, ma comunque tangibili.

Queste riduzioni, dicono i ricercatori, sono alcune delle prime testimonianze del declino cognitivo che può portare alla demenza senile.

Diversamente a quanto si credeva in passato, che la perdita di memoria correlata alla demenza o l’Alzheimer iniziasse superati i 60 anni, la ricerca di Whitehall ha suggerito che demenza e l’Alzheimer potrebbero impiegare decenni per svilupparsi, a partire proprio dai 45 anni di età.

Gli Integratori e le Funzioni Cerebrali

La ricerca sulla salute del cervello mostra che l’uso di vitamine e integratori può migliorare la memoria e le funzioni cognitive.

La maggior parte di questi prodotti, che sono liberamente disponibili al banco della farmacie, possono effettivamente migliorare la capacità di attenzione, la concentrazione, la memoria, ridurre la perdita di memoria legata all’età, migliorare la memoria a breve termine, la capacità di risolvere i problemi, la velocità e la capacità logica.

Gli integratori alimentari sono dunque dei validi alleati nel rallentare la perdita di memoria e l’insorgere del morbo di Alzheimer (che purtroppo negli Stati Uniti è la sesta causa di morte, con un anziano su tre che muore con il morbo di Alzheimer o un’altra forma di demenza).

Integratori per la Memoria a Provata Efficacia

Acidi Grassi Omega-3 e Olio di Pesce

Il Dr. Oz, premiato medico, autore e personaggio televisivo, supporta l’uso di integratori per migliorare le prestazioni del cervello, e tra i primi della sua lista ci sono gli acidi grassi Omega-3.

Sul suo sito, Oz sostiene che gli acidi grassi Omega-3 sono “grassi superstar che amplificano le capacità del nostro cervello, proteggono il cuore e le arterie, combattere le rughe, lubrificano le articolazioni e molto altro ancora”.

Vediamo 3 tipi di acidi grassi Omega-3:

  • Acido α-linolenico (ALA) che si trova nelle noci, semi di lino e olio d’oliva
  • Acido docosaesaenoico (DHA) che si trova principalmente nell’olio di pesce
  • Acido eicosapentaenoico (EPA) anche questo presente nell’olio di pesce

Ma attenzione, Oz segnala che non tutti gli oli di pesce e integratori sono uguali.

Quando si vuole acquistare un integratore di questo tipo, bisogna stare attenti di cercarne uno che contenga almeno 600 mg di DHA.

Alcuni dosaggi potrebbero essere inferiori, quindi potrebbe essere necessario assumere più di una pillola per ottenere la dose adeguata.

Queste sostanze dovrebbero essere prese a colazione e, per evitare di far deperire le proprietà dell’olio di pesce, devono essere sempre conservate in frigorifero.

Il DHA è l’acido grasso che compone una gran parte del tessuto cerebrale e il Dr. Oz afferma sul suo sito web: “Il DHA non solo supporta le funzioni cerebrali, ma migliora anche come il cervello immagazzina e utilizza l’energia. Inoltre l’acido docosaesaenoico è molto valido per combattere la depressione“.

Gli Antiossidanti

I medici hanno ricercato per decenni la connessione tra gli antiossidanti e le funzioni cerebrali.

Secondo il dottor Mary Clarke, uno specialista di ricerca in educazione alimentare alla Kansas State University, le vitamine C, E e il beta-carotene sono tra gli antiossidanti che più aiuteranno la nostra memoria.

Lo fanno proteggendo i tessuti cerebrali, abbattendo le forme tossiche di ossigeno nel sangue. Clarke ha dichiarato nelle sue recenti scoperte che “Questo Oxygen Radical Abhorrence Capacity (ORAC) determina la capacità degli alimenti, plasma sanguigno, e altre sostanze di combinarsi con i radicali liberi dell’ossigeno e renderli inoffensivi“.

Clarke ha dichiarato nelle sue recenti scoperte che gli antiossidanti del Tè verde proteggono i tessuti dai danni dei radicali liberi.

Il danno ossidativo è associato all’invecchiamento, le malattie cardiovascolari, il diabete, il cancro e altre malattie.

Recentemente, Jim Joseph, neuroscienziato presso il laboratorio di Jean Mayer di ricerca sull’invecchiamento, pensa che il deterioramento della funzione del cervello associato all’invecchiamento e ai disturbi come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson, può anche essere il risultato di questi radicali liberi.

Un estratto simile della Now University sostiene che gli integratori antiossidanti possono essere preziosi per le prestazioni del cervello. I partecipanti di un esperimento che hanno utilizzato un integratore antiossidante, hanno registrato risultati migliori del 39% sui test di memoria episodica rispetto a coloro che hanno assunto un placebo.

Oltre a questo, lo studio sostiene che la memoria verbale è stata migliorata anche del 33%, ma ancora più interessante è il fatto che questo risultato è stato raggiunto solo da quei partecipanti che erano non fumatori.

Secondo la National Library of Medicine degli Stati Uniti e il National Institutes of Health, le persone di 65 anni e più che consumano più acido ascorbico e beta-carotene avranno una memoria migliore.

Vitamina E

Gli analisti della Harvard Medical School affermano che tra tutti gli integratori di vitamina, la vitamina E può essere la più vantaggiosa per rallentare il declino mentale correlato all’invecchiamento.

Questa affermazione è relativa ad uno studio pubblicato su Archives of Neurology nel 2002, che ha esaminato 2.889 persone con 65 anni di età che non hanno contratto la demenza o altre malattie cognitive.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di studio che cosa avessero mangiato e che vitamine e integratori minerali avessero assunto, poi è stata misurato l’evolversi della loro funzione mentale nel corso di circa tre anni, come riportato nelle pubblicazioni della Harvard Medical School.

I partecipanti che hanno consumato per la maggior parte alimenti e integratori contenenti vitamina E dimostravano un declino mentale del 36% inferiore rispetto alle persone che ne avevano assunte meno.

Lo studio afferma inoltre che il tasso di demenza è il più basso tra gli uomini che prendono vitamine C ed E, il che suggerisce quale potrebbe essere il beneficio di un impiego a lungo termine degli integratori.

Nel complesso, le vitamine C ed E sono generalmente considerate sicuri e non tossico, quindi uno dei supplementi alimentari ideali da consumare.

Ma, integratori a parte, i ricercatori di Harvard ci ricordano che cose come la mancanza di sonno, il fumo, la cattiva alimentazione e vita sedentaria possono peggiorare lo stato mentale di una persona.